Il PUMS - Piano Urbano Mobilità Sostenibile


Mobilità sostenibile
  • 22 Lug, 2021

Lo sviluppo del PUMS – Piano Urbano di Mobilità Sostenibile – è la chiave per rilanciare Genova in un’ottica moderna, europea e sostenibile accentuando il suo carattere di città in movimento e di area dinamica e vitale.

In quest’ottica, la mobilità sostenibile diventa un tassello fondamentale per promuovere una migliore qualità della vita ispirandosi ai modelli delle città europee che guidano la classifica dello Smart City Index 2020 con interventi mirati all’ampliamento dei mezzi di trasporto elettrici e delle infrastrutture di ricarica.

Ripensare il sistema dei trasporti alla luce dei grandi progetti di rigenerazione del centro storico si accompagna a un impatto significativo sullo sviluppo economico e sociale, portando a una svolta nelle abitudini dei cittadini. Il PUMS applicato in un arco temporale di una decina d’anni, è animato da una visione nuova, che pone l’accento sul coinvolgimento diretto dei cittadini e degli stakeholder – aziende, pubblico, logistica, operatori del turismo. 

I benefici attesi sono vari e prevedono la riqualifica del trasporto pubblico locale (TPL) che scoraggi l’uso eccessivo delle auto private favorendo il decongestionamento del traffico, la riduzione delle emissioni atmosferiche e dell’inquinamento acustico.

Il PUMS è composto da diversi progetti che coinvolgono soggetti pubblici e privati.

Progetto Quattro Assi di Forza

Sono previste una serie di azioni per rivoluzionare il trasporto pubblico cittadino, tra cui la sostituzione degli attuali bus con mezzi elettrici e green, l’abbassamento a zero emissioni in termini di inquinamento acustico e ambientale, la creazione di una nuova rete infrastrutturale che coinvolga i quattro Assi di Forza individuati (Asse Centro, Asse Ponente, Asse Levante, Asse Val Bisagno) e una serie di opere civili e infrastrutture per riqualificare strade ad alta percorrenza (ad esempio con la costruzione di due parcheggi di interscambio presso le uscite autostradali).

L’obiettivo è quello di trasformare la città in un’ottica più vivibile, dando molto spazio a piste ciclabili e pedonali. 

Investimento: 471,6 milioni di euro

Immissione in servizio: dicembre 2026

People mover Aeroporto-Erzelli

Il nuovo sistema di trasporto strategico collegherà l’aeroporto Cristoforo Colombo al parco scientifico di Erzelli dove troveranno sede la Scuola Politecnica e un nuovo grande ospedale, futuro punto di riferimento per la salute e la ricerca a livello nazionale.

Si andrà a creare un unico asse di collegamento tra l’aeroporto, il parco Erzelli e la nuova stazione ferroviaria Fs Genova Erzelli/Aeroporto.

Investimento: 250 milioni di euro

Immissione in servizio: gennaio 2026

Skytram Val Bisagno

Il servizio unirà la zona di Brignole a Molassana attraverso una linea metropolitana sopraelevata a due binari. Il progetto prevede la creazione di 8 stazioni per 6,5 km di percorso per incentivare un nuovo modo di viaggiare più veloce e sicuro.

Investimento: 576,6 milioni di euro

Immissione in servizio: ottobre 2026

Completamento della metropolitana e piste ciclabili

Il PUMS prevede l’estensione dell’attuale linea metropolitana di circa 500 metri con la realizzazione di due nuove stazioni. 
Il progetto sarà concluso nel dicembre 2025.

Tra le varie proposte si inserisce anche la volontà di incrementare gli itinerari ciclabili fino a raggiungere 70 km tra piste ciclabili e corsie dedicate. 
Questi percorsi sono da concepirsi in un’ottica di integrazione con altre infrastrutture.

Indirizzo: 
16100 Genova GE